Download
Condividi
Luca Testoni, ETicaNews
Fondatore e direttore di ETicaNews & ESG Business Review

Business ed ESG: informazione al servizio di un binomio virtuoso

Cosa significa, in Italia e in Europa, fare informazione sulla sostenibilità e sul suo rapporto con il business? Luca Testoni, fondatore e direttore della testata ETicaNews e oggi anche della testata cartacea ESG Business Review lanciata nel 2019, condivide in questa intervista la sua esperienza in fatto di ESG (pratiche sociali, ambientali e di governance). Per capire qual è la chiave di una "crescita consapevole del sistema". Ma senza imposizioni.

 

SherpanyLei è fondatore e direttore di ETicaNews da quasi 10 anni. Quali sono state le principali sfide professionali che ha incontrato? Come è riuscito a trovare una risposta o una soluzione a queste sfide?

Luca Testoni: La sfida principale dal punto di vista giornalistico è stata quella di far comprendere l'importanza di temi che non erano conosciuti all'interno delle aziende, il che ha significato la necessità di fare istruzione, prima di avere l'opportunità di cogliere informazioni giornalistiche. C'è ancora parecchia confusione sulla sostenibilità, ancora troppo spesso ricondotta a questioni non-business. Ma l'identità di ETicaNews sta diventando chiara: un metodo d’analisi per le questioni di business in ambito sostenibile, sia per quanto riguarda l’azienda, sia per quanto riguarda la finanza.

Sul fronte imprenditoriale, la sfida è stata quella di farsi riconoscere il valore di ricerche ed eventi di frontiera. Vale a dire eventi innovativi (e ad oggi ancora unici) di due tipi: una conferenza annuale sulla governance aziendale dei fattori ESG, in cui sono coinvolte e messe a confronto le principali aziende italiane. E il Salone SRI, in cui gli operatori finanziari e gli investitori propongono i propri prodotti e le strategie coerenti con i fattori ESG. Anche in questo caso è stato necessario fare molta istruzione e formazione, per far comprendere l'importanza di essere sui nostri media e di essere nostri partner nelle sfide che abbiamo lanciato.

Oggi, in Italia, sia dal punto di vista giornalistico sia da quello di networking, essere sui nostri media (online e cartacei, parlo di ESG Business Review) e con noi nei nostri eventi, ha un valore riconosciuto.

 

SherpanyQuali sono le principali questioni che le organizzazioni italiane ed europee devono affrontare in relazione alle pratiche ambientali, sociali e di governance (ESG)?

Luca Testoni: La principale questione è oggi quella della conoscenza. Gli ESG sono un mondo nuovo ed estremamente complesso. La vera conoscenza impedisce di prendere scorciatoie pericolose, e consente di compiere i passaggi uno per volta, evitando di lanciarsi in operazioni inutili se non dannose. Le istituzioni devono comprendere, e devono a loro volta creare consapevolezza nei propri interlocutori. Si deve tutti partire dalla presa d'atto di una verità fastidiosa: è impossibile creare una legge che identifichi gli ESG e ne renda più semplice l'applicazione. Sono un mondo difficilissimo, con il quale occorre imparare a convivere. Perchè difficilissimo?

Perché moltiplica le variabili da tenere sotto controllo: si passa da un mondo che funziona a due dimensioni (rischio e rendimento) a uno che si muove considerando infinite dimensioni (rischio, rendimento, ma anche le molteplici variabili ambientali, sociali e di governance; in pratica, tutte le variabili presenti all’interno della realtà). Perciò il suggerimento alle istituzioni è questo: cercare di promuovere e favorire un percorso di sistema, che non venga imposto dalle norme, o dagli standard, o dalle scelte regolatorie, ma che anzi trovi il proprio fondamento nella conoscenza di tutti gli operatori. In questo modo essi saranno spinti dalla consapevolezza del loro reciproco vantaggio. E così potrà essere consentita e garantita (contro il greenwashing) una crescita consapevole del sistema, evitando regole unilaterali.

 

SherpanyQual è, a suo avviso, lo stato della consapevolezza delle aziende italiane nei confronti delle pratiche ambientali, sociali e di governance?

Luca Testoni: Le imprese italiane stanno accelerando nel loro percorso ESG. Ma c'è ancora una netta frattura tra grandi e piccole-medie imprese. Queste ultime, che nel Paese sono la maggioranza, hanno grandi difficoltà a istituzionalizzare le proprie pratiche di sostenibilità, anche quando magari sono sostenibili nel Dna. In generale, poi, l'Italia sembra aver compreso l'importanza della sostenibilità ambientale e comincia a ragionare sui temi sociali. Ma è ancora parecchio lontana dall'idea di una governance capace di integrare gli ESG.

 

SherpanyIn che modo ETicaNews si impegna a diffondere nei vertici aziendali una cultura responsabile sui temi degli ESG?

Luca Testoni: Il nostro sforzo va in due direzioni. Sul fronte aziende, sviluppiamo da cinque anni l'unico indice che monitora e rileva (in modo quantitativo) il grado di integrazione degli ESG nella governance aziendale. Si chiama Integrated Governance Index, si compone di circa 80 domande, e quest'anno sarà inviato a oltre 300 aziende. Sul fronte della finanza, anche qui da cinque anni, abbiamo un database dei prodotti SRI (socially responsible investing) distribuiti in Italia. Inoltre abbiamo creato un premio quantitativo con il supporto di MSCI, che riconosce i migliori prodotti per prestazioni finanziarie (rischio e rendimento) e per punteggio relativo ai fattori ambientali, sociali e di governance (ESG).

Queste due direzioni, infine, cerchiamo di "farle incrociare", avvicinando aziende e finanza responsabile a iniziative di coinvolgimento e di confronto.

 

SherpanyQual è il legame tra ESG e risultati finanziari di una società? In questo senso, avrebbe un esempio recente che vale la pena ricordare?

Luca Testoni: Sulla relazione tra ESG e risultati finanziari di una azienda citiamo con continuità analisi e report che mostrano una correlazione positiva. Del resto, quando una impresa mette in atto una vera integrazione degli ESG ha già compiuto un riassetto organizzativo e strutturale che i suoi competitor dovranno compiere. Ergo, ha già un vantaggio competitivo. Se dovessi citare un'analisi, rimando a un recente documento di Banca d'Italia che spiega bene questo concetto. L'istituto centrale ne fa una ragione per iniziare a investire negli ESG il proprio patrimonio discrezionale, cioè quella parte del patrimonio su cui ha possibilità di gestione con propria discrezione.

 

SherpanyIl World Economic Forum ha evidenziato come, per quanto riguarda i temi ESG, esistano ancora questioni che richiedono ulteriori approfondimenti. Una delle opportunità più interessanti è come le nuove tecnologie possano essere effettivamente di supporto. Come crede che la tecnologia possa supportare i leader nella gestione efficiente delle pratiche ESG?

Luca Testoni: Le tecnologia è la vera necessaria frontiera per le tematiche ESG. Il mondo visto attraverso gli ESG è troppo vasto per essere osservato semplicemente a occhio nudo. Non a caso, nel 2020, uno dei nostri principali filoni di ricerca e analisi riguarderà il concetto di "ESG Information technology", ossia come algoritmi, intelligenza artificiale, software e piattaforme tecnologiche possano aiutare a rilevare, monitorare, raccogliere, gestire, blindare e condividere i dati ESG.

Una previsione? Nel futuro, per essere un leader sarà necessario gestire queste informazioni non solo nella maniera più efficiente, ma anche nella più rapida e sicura possibile.

Luca Testoni, ETicaNews
Luca Testoni, ETicaNews
Fondatore e direttore di ETicaNews & ESG Business Review
Co-fondatore e caporedattore di ETicaNews, testata online nata nel 2011 grazie alla collaborazione di un gruppo di giornalisti motivati a creare un diverso modello di giornalismo, di società e di business. Nel 2019, ET.group ha lanciato anche ESG Business Review, la prima rivista cartacea dedicata a fattori ambientali, sociali e di governance. Oggi ETicaNews ed ESG Business Review sono il punto di riferimento italiano per la Finanza Socialmente Responsabile (SRI) e la Responsabilità Sociale d'Impresa. In precedenza, Testoni ha lavorato per oltre dieci anni nel campo del giornalismo finanziario. È stato caporedattore di Finanza e mercati, poi direttore di TopLegal e coordinatore del mensile economico Pambianconews. È autore dei libri "L'ultima sfilata", un'inchiesta critica sulla moda italiana, e "La legge degli Affari", un'accurata analisi centrata sugli studi legali italiani.

www.eticanews.it

Approfondimenti e Risorse

facebooktwittergoogle-plus2linkedin2envelopsearch

Approfondimenti e Risorse

Sherpany fornisce business news, articoli di esperti, interviste esclusive, casi-studio e best practice sulla digitalizzazione e sull'evoluzione delle riunioni del CdA, delle direzioni aziendali e delle segreterie societarie.

Gli esempi di contenuti riguardano:

  • Board portal e software di gestione delle riunioni
  • Digitalizzazione delle riunioni
  • Governance e compliance
  • Leadership

Richiedi una demo gratuita

Compila il seguente modulo e sarai ricontattato al più presto, per provare di persona Sherpany.

Contattaci

Se desideri maggiori informazioni sulla nostra soluzione o hai richieste specifiche, contattaci e ti ricontatteremo a breve.

Richiedi prezzo

Compila il seguente modulo e sarai ricontattato al più presto.

Iscriviti alla newsletter

La newsletter non è al momento disponibile in italiano, La preghiamo di iscriversi ad una delle seguenti lingue: